Progetto FastCap

Il supercapacitore a nanotubi di carbonio è composto da due elettrodi posti nella parte superiore e inferiore del sistema di accumulo. I nanotubi di carbonio sono attaccati agli elettrodi e sono immersi in un elettrolita liquido. La parte positiva e quella negativa sono divise da un separatore solido poroso. Un voltaggio indotto nel supercapacitore porta all’accumulo di ioni di carica opposta alla carica presente sui nanotubi, sia nella parte positiva che in quella negativa. Una volta connesso il circuito esterno agli elettrodi, gli elettroni migrano dalla parte negativa a quella positiva generando energia elettrica e facendo lentamente perdere la carica agli elettrodi.

Grazie alla loro elevata potenza specifica e alla possibilità di essere caricati e scaricati istantaneamente, i supercondensatori sono dei sistemi di accumulo molto validi in cui non avvengono reazioni chimiche e possono effettuare un maggior numero di cicli carica-scarica (oltre 1 milione) rispetto alle batterie convenzionali (10.000 cicli). L’accoppiamento dei nanotubi di carbonio e dei supercondensatori mira a massimizzare la superficie disponibile per l’accumulo di energia.

 

La FastCap System, una start-up del MIT, sta portando avanti le attività di ricerca e sviluppo della tecnologia con l’intenzione di giungere alla sua piena utilizzabilità in circa tre anni. La commercializzazione non potrà avvenire prima di 5-10 anni. Il settore automobilistico potrebbe essere il primo target.

 

Scarica la scheda tecnologia

 

 

 

 

 

 

 

Click me
Progetto FastCap

Sistemi di Accumulo

Promotori e Sponsor