MSR - Reattore veloce a sali fusi

È un reattore che usa come combustibile fluoruri di uranio e plutonio e come refrigerante fluoruri di sodio e zirconio. Ci sono quattro opzioni per il ciclo del combustibile ma quella più promettente è  il ciclo con bruciamento degli attinidi  in riciclo continuo. Questa opzione permette il rifornimento e la rimozione dei prodotti di fissione durante il funzionamento. L’MSR opera ad alta temperatura (815 °C).

In Francia si sta investendo per realizzare un prototipo di MSR chiamato MSFR. Esso userà come combustibile una miscela di fluoruri di torio e sarà refrigerato da fluoruro di litio. La sua potenza sarà di 1.300 MWe e sarà prodotto entro il 2020. In Europa si sta realizzando un altro prototipo, a ciclo Brayton, chiamato PB-AHTR che userà un combustibile solido, avrà una potenza di 900 MWth e sarà pronto entro il 2025.

 

Quali sono gli obiettivi futuri?
Gli obiettivi dei prossimi anni prevedono studi sui materiali che dovranno resistere alla corrosione dei sali fusi e sulla sicurezza relativa ai problemi dei sali stessi. Le barriere allo sviluppo della tecnologia potrebbero venire dai suoi elevati costi.

 

Quali saranno gli impatti economico-ambientale-sociale?
Producendo meno scorie l’ impatto economico che avrà questa tecnologia sarà quello di un minor costo di stoccaggio delle stesse mentre per quanto riguarda l’impatto ambientale ci sarà meno bisogno di trovare aree adatte allo stoccaggio creando una maggiore accettabilità sociale. Rispetto ad un qualsiasi impianto a combustibile fossile non immetterà CO2 in atmosfera.

 

 

Click me
MSR - Reattore veloce a sali fusi

Sistemi di Accumulo

Promotori e Sponsor